domenica 26 agosto 2007

Video Eusebio vs Pelè.





Pelé giocò nella squadra brasiliana del Santos dal 1956 al 1974 vincendo 5 campionati brasiliani di fila dal 1961 al 1965 (record del calcio brasiliano) e 11 titoli paulisti. Negli anni Sessanta e Settanta il Santos era considerata la squadra migliore del mondo tanto che essa girava il mondo disputando amichevoli con innumerevoli squadre, una sorta di Harlem Globetrotters del calcio. Singolare è l'episodio in cui un arbitro espulse O' Rei: il pubblico si imbestialì a tal punto che Pelé rientrò in campo e fu il direttore di gara stesso a dover abbandonare il rettangolo verde. Per non parlare che nel 1969 per poterlo vedere giocare col Santos i due paesi africani del Congo Belga e Congo Brazaville all'epoca divisi da una feroce guerra civile firmarono addirittura una tregua temporanea. Questo episodio fu la testimonianza che la figura di Pelé trascese i confini sportivi più di qualunque altro atleta al mondo, entrando nella storia come una delle maggiori icone contemporanee. Nel 1975, dopo un anno lontano dai campi di gioco, Pelé venne ingaggiato dai Cosmos, squadra di calcio posseduta dalla Warner Communications che, mettendo insieme una parata di giocatori d'eccezione, riuscì a vincere l'edizione del 1977 del giovane campionato nordamericano di calcio.

EUSEBIO.

Una leggenda vivente e sorridente

Guardando al passato, l'unico rimpianto è che questo eccezionale giocatore sia rimasto isolato nella sua epoca in Portogallo, senza poter beneficiare di una nuova generazione di giocatori lusitani di ottimo livello. Di conseguenza i mondiali di Inghilterra del 1966 furono la sola occasione per questo grande maestro di illuminare lo scenario mondiale.

Simbolo immortale di lealtà e orgoglio verso la sua terra d'adozione, Eusebio rimase nel Benfica per poco meno di quattordici anni, segnati da una lunga serie di successi, prima di accettare un'allettante proposta negli USA. Di ritorno in Portogallo a Beira Mar, subì una grave lesione al ginocchio. La 'Perla nera', considerato tuttora il più grande giocatore portoghese di tutti i tempi, viene ricordato da una statua in bronzo che si erge con orgoglio fuori dal leggendario Stadio de la Luz, sede del Benfica.
Dopo quarant'anni, i successi di Eusebio non hanno perso il loro prestigio ed egli rimane un eroe incontrastato dello sport portoghese di tutti i tempi.

Palmaires: Successi internazionali

64 presenze internazionali, 41 gol
1965 Pallone d'Oro
1966 Terzo posto ai mondiali di Inghilterra
1966 Capocannoniere ai Mondiali di Inghilterra (9 gol)

Squadre

1958 - 1960 Sporting Club Lourenço Marques (Mozambico)
1960 - 1974 Benfica (Portogallo)
1974 - 1975 Boston Minutemen (USA)
1976 Toronto Metros (Canada)
1976 - 1977 Beira Mar (Portogallo)
1977 - 1978 Monterrey (Messico)

Successi con squadre di club

1962: Coppa dei Campioni
1961, 1963, 1964, 1965, 1967, 1968, 1969, 1971, 1972, 1973, 1974:Campionato portoghese
1962, 1964, 1969, 1970, 1972: Coppa del Portogallo
7 volte capocannoniere Campionato portoghese: 1964, 1965, 1966, 1967, 1968, 1970, 1973

1 commento:

yokai ha detto...

Cohoba

non riesco a contattarti via mail.


Io ti ho inserito,controlla pure se è scritto bene,

Aspetto tue notizie!